Gestire i litigi davanti ai figli: ecco qualche consiglio

7 giugno 2016

Alcuni consigli della Psicologa per gestire al meglio le liti con il partner davanti ai propri figli 

La gestione dei litigi e dei conflitti di coppia non è mai semplice in generale. Quando ci sono dei figli la situazione si fa ancora più ostica, dal momento che vedere i genitori litigare può portare a sviluppare insicurezze e dubbi, con danni che, in alcuni casi, riguardano anche l’autostima.

Mettere a tacere il disappunto quando si vive un contrasto con il partner è dannoso (sappiamo tutti che i “non detti” sono tra i peggiori killer della serenità di una coppia), ma questo non significa che non ci siano soluzioni alternative al fatto di coinvolgere i figli nella situazione difficoltosa.

Gestire le liti con il partner quando si hanno figli è possibile? Certamente sì ed esistono alcuni consigli utili per fare in modo che la situazione non degeneri.

Litigare davanti ai figli 

Moderazione prima di tutto:

Evitare totalmente di litigare con il partner davanti ai figli è impossibile. Per fare in modo che il bambino non si senta spettatore passivo di un contesto di aggressività è fondamentale cercare di moderarsi il più possibile. Questo significa, per esempio, impegnarsi a non alzare eccessivamente la voce e a non lasciarsi andare a insulti e recriminazioni. Può sembrare un consiglio semplice e banale, ma non lo è affatto se si pensa a come è facile lasciarsi dominare dall’ira. Ricordatevi poi che il tono e l’intensità della voce vengono percepiti anche dai bambini di pochi mesi, che sono perfettamente in grado di avvertire situazioni di tensione psicologica nella coppia genitoriale!

Mai chiamare in causa direttamente i figli o i loro atteggiamenti:

Quando capita di litigare con il partner davanti ai figli è fondamentale evitare di chiamarli direttamente in causa o di fare riferimento a loro atteggiamenti specifici, imputandoli per esempio all’inefficienza educativa dell’altro genitore. Agendo in questo modo si contribuisce solo a diminuire l’autostima del bambino che, soprattutto nei primi anni di vita, costruisce l’immagine che ha della propria persona e del proprio valore sulla base degli insegnamenti e dell’esempio dei genitori.

L’importanza della riconciliazione:

Dopo aver litigato con il partner, se il conflitto si è concretizzato davanti ai figli, è fondamentale riconciliarsi sempre in loro presenza. Questo atteggiamento contribuisce infatti, soprattutto se i bambini sono molto piccoli, ad aiutarli a capire che i litigi gestiti con moderazioni fanno parte dei rapporti umani, e che è possibile, con la giusta attenzione al dialogo, tornare a sorridere e ad avere rapporti distesi.

Se ci si accorge di non riuscire a trovare un accordo e di non essere in grado di moderarsi è altamente consigliabile rivolgersi a un terapeuta e valutare l’inizio di un percorso di natura sistemico relazionale per riuscire, a prescindere da come andrà il rapporto sentimentale, a tutelare la serenità e l’equilibrio dei figli, che hanno diritto a dei punti di riferimento genitoriali forti e capaci di trasmettere valori positivi.


Leggi anche Rapporto bambini, genitori e nonni: consigli per gestirlo al meglio

 

Dott.ssa Miolì Chiung

Responsabile Studio di Psicologia Salem

www.studiosalem.it

Scrivi un commento
Faccia a faccia, pelle a pelleAnticipo scolastico a 5 anni: scelta giusta o no?

Scrivi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

COSA FACCIAMO
Marshmallow Games crea app educative per bambini e ragazzi, per una nuova entusiasmante esperienza di apprendimento! Scopri di più su www.marshmallow-games.com
Diventa nostro socio!
Investi in Marshmallow Games

Con Marshmallow Games siamo protagonisti di una campagna di equity crowdfunding sul portale Mamacrowd. Il nostro obiettivo è raccogliere 100.000€ attraverso l’ingresso di nuovi soci.

Nuovi di zecca!
I più amati