Bambini gelosi dei genitori: perché lo sono e come comportarsi

6 marzo 2017

La Psicologa Miolì Chiung spiega in che modo i bambini manifestano la loro gelosia e come bisognerebbe comportarsi 

La gelosia è un sentimento molto comune tra gli esseri umani, e si prova quando qualcosa che vorremmo tenere per noi viene dato ad altri.

Ancora più comune è la gelosia dei bambini, soprattutto in età prescolare, che può manifestarsi per diversi motivi: possono essere gelosi dei propri giochi, e quindi litigare con i coetanei, o dell’arrivo di un fratellino/sorellina, e contendersi quindi l’attenzione dei genitori, per esempio. Ma possono anche essere gelosi nei confronti della mamma o del papà.

Oggi voglio parlarvi proprio di quest’ultimo tipo di gelosia.

Bambini gelosi dei genitori

La gelosia nei confronti della mamma o del papà è un sentimento che può manifestarsi fin dalla tenera età e sparire man mano che il bambino cresce. Qualora questo non dovesse verificarsi, potrebbe essere opportuno intervenire con una terapia psicologica.

Ad ogni modo, si tratta di un sentimento che inizia a manifestarsi intorno ai 3 anni, età in cui le bambine iniziano ad adorare in maniera totalizzante il proprio papà e i bambini ad amare in maniera assoluta la mamma. In entrambi questi casi è come se il genitore diventasse una sorta di proprietà privata del bambino. Questa condizione viene definita “Complesso di Edipo” (quando riguarda la relazione bambino-mamma) e “Complesso di Elettra” (se si riferisce al rapporto bambina-papà).

Solitamente in questi casi, il bambino che nutre gelosia nei confronti del partner del genitore, non fa assolutamente nulla per nasconderlo, anzi!

Come si manifesta

I bambini iniziano a diventare possessivi del padre o della madre: chiedono più coccole, si intromettono nella loro intimità, cercano di attirare continuamente la loro attenzione.

Non è raro, in questi casi, che i bambini interrompano gli abbracci e le effusioni dei genitori, partendo all’attacco del “nemico” con frasi tipo: «Lascia stare la mamma!» oppure «Papà è mio, vattene!», frapponendosi tra i due genitori ed imitando i gesti che uno dei due partner stava scambiando con l’altro: abbracci, baci, carezze e via dicendo.

Perché lo fanno

In casi di bambini gelosi dei genitori, come abbiamo detto, questi provano nei confronti del genitore non solo un grandissimo amore, ma anche una leggera aggressività, dovuta al fatto che la persona che ama così intensamente, di tanto in tanto lo sgridi.

Questa sorta di aggressività si sfoga sull’altro genitore, che diventa agli occhi dei bambini il vero colpevole della sgridata.

Si tratta, comunque, di un momento molto particolare è utile alla crescita dei bambini, perché tenendo sotto “stretta osservazione” il genitore-rivale sviluppa la propria identità di genere. In questo modo inizia a percepire il diverso da sé, tappa importante per lo sviluppo futuro delle sue relazioni.


Leggi anche l’articolo della Psicologa Miolì Chiung sui Disegni di bambini: segni rivelatori sul loro mondo interiore

Come comportarsi

Quasi sempre il complesso di Edipo/Elettra si risolve il maniera del tutto spontanea e naturale quando il bambino, crescendo, capisce che non può avere con un genitore lo stesso rapporto che invece ha l’altro genitore.

Di fronte a casi di bambini gelosi dei genitori, in casa è doveroso imporsi, con i dovuti modi, facendo loro capire che vi sono dei limiti invalicabili e delle regole da osservare.

È inoltre importante mantenere armonia e serenità all’interno della coppia. Episodi di tensione non farebbero che confermare al bambino ciò che è nel suo immaginario.

In ultima analisi, un altro atteggiamento intelligente, per gestire la gelosia dei bambini nei confronti dei genitori e di non sgridarli in continuazione, appesantendo la situazione, o insistere con atteggiamenti che fanno star male i bambini, amplificando la loro gelosia.


Leggi anche Gestire i litigi davanti ai figli: ecco qualche consiglio

Bisognerebbe imparare a scherzarci su, insieme, genitori e bambini, coinvolgendo i bambini in abbracci e carezze (rimandiamo le effusioni intime ad altri momenti). Così facendo questa fase edipica passerà senza traumi e i bambini non avranno più paura timore (immotivato, certo) di perdere l’affetto della mamma o del papà.

 

Autore:

Dott.ssa Miolì Chiung

Responsabile Studio di Psicologia Salem

www.studiosalem.it

About author Dott.ssa Miolì Chiung

Dottoressa-chiung-studio-salem

Miolì Chiung, psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale. Nel 2009 fonda lo Studio di Psicologia Salem, un progetto di ampio spessore incentrato sul benessere psicologico dell’individuo, dai processi di prevenzione fino a tutto quello che riguarda la cura. Ha approfondito i suoi studi con numerosi master e corsi. Applicatrice Metodo Feuerstein e ottima conoscitrice della testistica psicodiagnostica dell’età evolutiva e adulta. Ama i libri, la cucina ma la sua grande passione è il mare!

 

 


 

Immagine tratta da freepik:

<a href=’http://it.freepik.com/foto-gratuito/al-chiuso-bianco-bella-mamma-femminili_1056951.htm’>Designed by Freepik</a>

http://it.freepik.com/foto-gratuito/al-chiuso-bianco-bella-mamma-femminili_1056951.htm#term=bacio mamma e figlio&page=1&position=6


 

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

Se ti piacciono i nostri articoli lasciaci la tua mail per rimanere sempre aggiornato.

Registrazione effettuata con successo!

Scrivi un commento
“Il pupazzo preferito”: perché è importante per il bambino e cosa fareCome aiutare i bambini a superare la timidezza: consigli per i genitori

Scrivi il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

COSA FACCIAMO
Marshmallow Games crea app educative per bambini e ragazzi, per una nuova entusiasmante esperienza di apprendimento! Scopri di più su www.marshmallow-games.com
Street Music Academy – Tutto è musica!
Scarica Street Music Academy
Nuovi di zecca!
I più amati
bimbo_ansia_newsletter

Cosa aspetti ad iscriverti?!

Giochi divertenti, consigli e informazioni utili per lo sviluppo del tuo bambino.

Registrazione effettuata con successo!