Bambini che non vogliono fare i compiti: qualche consiglio ai genitori

11 ottobre 2016

Alcuni pratici consigli, scritti della Psicologa Miolì Chiung, per gestire i bambini che non vogliono fare i compiti 

Le richieste di aiuto da genitori che devono affrontare il problema dei figli che non vogliono fare i compiti a casa sono pressoché quotidiane. Si tratta di una situazione che, a lungo andare, può diventare fastidiosa e mettere a dura prova l’equilibrio psicologico sia del bambino, sia del genitore.

Come uscirne?

Ecco qualche semplice consiglio pratico

1) Non vedere il comportamento del bimbo come una provocazione:

Aiutare il proprio figlio a fare i compiti, magari dopo una giornata di lavoro, può essere stressante. Lo diventa ancora di più quando il bambino si rifiuta di fare i compiti. Il primo consiglio pratico in questi casi consiste nell’evitare di vedere tale comportamento come una provocazione. Lasciarsi prendere dall’ira e dalla frustrazione è solo un modo per irrigidire gli atteggiamenti del bambino e per non uscire più dalla situazione.

2) Attenzione alle pretese eccessive:

Molto spesso il bambino che si rifiuta di fare i compiti mette in atto questo atteggiamento rispondendo a determinati comportamenti dei genitori, che magari mettono in campo delle pretese eccessive provocando ansia da prestazione. A tal proposito vale il detto “meglio prevenire che curare”, il che vuol dire, per esempio, evitare di chiedere continuamente notizie sui voti scolastici dei compagni di classe, atteggiamento che può dare spazio a una competizione inutile.


Leggi anche Come superare l’ansia da prestazione da genitori

3) L’importanza di un approccio coerente:

Per evitare che il rifiuto di fare i compiti si trasformi in una situazione grave e difficile da tenere sotto controllo è bene che il bambino abbia a che fare con adulti che si comportano in maniera coerente. Il consiglio, tanto semplice quanto importante, è quello di invitare le persone che lo seguono oltre ai genitori – nonni, baby sitter ecc – a rispettare determinati orari relativi al gioco e ai compiti.

4) Incoraggiare l’autonomia:

Molto spesso il bambino si rifiuta di fare i compiti perché non ha sufficiente fiducia nelle proprie capacità. A tal proposito è bene ricordare che si può intervenire incoraggiando il bambino e dandogli degli spazi di autonomia (per esempio la possibilità di scegliere la materia dalla quale iniziare i compiti).


Leggi anche Come crescere figli forti e sicuri di sè: i consigli della Psicologa e 8 complimenti che i bambini hanno bisogno di sentire

5) Attenzione ai DSA:

Se la poca voglia di fare i compiti si accompagna a episodi di frequente disattenzione in classe e a effettive difficoltà relative alle abilità di lettura, scrittura e calcolo può darsi che alla base vi sia un disturbo specifico dell’apprendimento. Il bambino, quindi, dovrebbe essere fatto visitare da uno specialista per una diagnosi ad hoc. Molto importante in questi casi è non lasciarsi prendere dal panico ed evitare inutili allarmi all’inizio del percorso scolastico, dal momento che i DSA, generalmente, si manifestano verso la seconda elementare, quando il bimbo ha già acquisito i rudimenti iniziali per scrivere e calcolare.


Consulta anche la nostra sezione “Consigli

 

Dott.ssa Miolì Chiung

Responsabile Studio di Psicologia Salem

www.studiosalem.it

About author Dott.ssa Miolì Chiung

Dottoressa-chiung-studio-salem

Miolì Chiung, psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale. Nel 2009 fonda lo Studio di Psicologia Salem, un progetto di ampio spessore incentrato sul benessere psicologico dell’individuo, dai processi di prevenzione fino a tutto quello che riguarda la cura. Ha approfondito i suoi studi con numerosi master e corsi. Applicatrice Metodo Feuerstein e ottima conoscitrice della testistica psicodiagnostica dell’età evolutiva e adulta. Ama i libri, la cucina ma la sua grande passione è il mare!

 


Link immagine: <a href=”http://it.freepik.com/foto-vettori-gratuito/scuola”>Scuola de fotografie diseñado por Pressfoto – Freepik.com</a>

<a href=’http://it.freepik.com/foto-gratuito/bambino-sottolineando-il-libro_866034.htm’>Designed by Freepik</a>


 

Scrivi un commento
Insegnare ai bambini ad aspettare: giochi e strategieIl tuo bambino conosce il suo corpo? Ecco come scoprirlo

Scrivi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

COSA FACCIAMO
Marshmallow Games crea app educative per bambini e ragazzi, per una nuova entusiasmante esperienza di apprendimento! Scopri di più su www.marshmallow-games.com
Scarica Hexaparty!
Scarica Hexaparty!
Nuovi di zecca!
I più amati